GLI ITALIANI ALL’ESTERO: COLLETTIVITÀ STORICHE E NUOVE MOBILITÀ

0,00 IVA inclusa

NB. Verrà addebitato solo il costo di spedizione o di servizio download

Curatori: Centro Studi e Ricerche IDOS
Casa editrice: Edizioni IDOS
Città: Roma
Data pubblicazione: 2020

Svuota

Follow by Email
Facebook
Facebook
Google+
Twitter

Descrizione

Questo numero monografico di Affari Sociali Internazionali è dedicato ad una analisi differenziale delle “vecchie” e “nuove” emigrazioni degli italiani all’estero; un’analisi che, al di là dei pur significativi elementi di continuità, tende soprattutto a indagare e mettere a fuoco le diversità sostanziali tra l’ultracentenaria storia dell’emigrazione italiana, che si è sviluppata dalla stessa Unità d’Italia fino agli inizi degli anni

Settanta del secolo scorso (quando il nostro è diventato un paese di immigrazione) e le esperienze di emigrazione contemporanee, alla luce del fatto che, come è noto, i trasferimenti all’estero di italiani sono ripresi in misura considerevole (molto più consistente di quanto i dati ufficiali rilevano, come si mostrerà nel volume) verso la fine degli anni Novanta e soprattutto a partire dalla seconda decade del nuovo millennio.

La globalizzazione ormai matura, gli orizzonti di interazione transnazionale dischiusi dalle nuove tecnologie, i mercati del lavoro sempre più flessibili e “fluidi”, le società contemporanee sempre più “liquide”, la quarta rivoluzione industriale in atto, la crisi dei modelli economici, politici e sociali del Novecento, la delocalizzazione (e “smaterializzazione”) dei sistemi produttivi e anche formativi sono alcune delle coordinate che, incrociando i bisogni, le aspirazioni e le frustrazioni dei giovani italiani, ne determinano – e aiutano a leggerne – l’attuale esperienza migratoria, differenziandola in maniera essenziale rispetto all’emigrazione tradizionale.

Informazioni aggiuntive

Formato

Cartaceo, volume senza prezzo di copertina, Digitale, volume senza prezzo di copertina